Con due provvedimenti del 21 febbraio 2024, l’Agenzia delle Entrate ha esteso al 4 aprile 2024 i termini per le comunicazioni relative alle detrazioni fiscali per interventi edilizi, originariamente previste per il 16 marzo.

I nuovi termini si applicano sia alla comunicazione delle opzioni per la cessione del credito e lo sconto in fattura sia a quelle relative alle spese sostenute dai condomini.

Quali sono gli interventi oggetto di comunicazione all’Agenzia delle Entrate che quindi potranno beneficiare di queste proroghe?

 

Comunicazione opzioni per interventi edilizi

Il primo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, n. 53159 del 21.02.2024, riguarda la comunicazione relativa all’opzione di cessione del credito o sconto sul corrispettivo in luogo della detrazione, per usufruire dei bonus edilizi e energetici.

Ricordiamo che lo sconto sul corrispettivo, applicato direttamente dal fornitore, e la cessione del credito sono due modalità alternative alla detrazione in dichiarazione dei redditi che erano state introdotte dall’articolo 121 del DL n. 34 del 2020, inizialmente per gli interventi Superbonus 110% e successivamente estese anche ad altre tipologie di bonus fiscali.

In seguito, il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 35873/2022, poi modificato dal provvedimento n. 202205/2022, ha stabilito che la scelta di optare per una di queste modalità debba essere comunicata con invio telematico all’Agenzia delle entrate

“entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione, ovvero, nei casi di cui al punto 1.3, entro il 16 marzo dell’anno di scadenza del termine ordinario di presentazione della dichiarazione dei redditi in cui avrebbe dovuto essere indicata la prima rata ceduta non utilizzata in detrazione”.

Tuttavia, ogni anno la scadenza del 16 marzo è stata prorogata per consentire l’adeguamento delle procedure e delle compilazioni alle più recenti revisioni normative.

Pertanto, nel 2024 dovranno provvedere alla comunicazione entro la nuova scadenza del 4 aprile i contribuenti che:

  • hanno sostenuto spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio nel 2023 e intendono esercitare l’opzione di sconto in fattura o cessione del credito, se prevista;
  • hanno sostenuto spese tra il 2020 e il 2023 e intendono comunicare la cessione differita delle rate residue e non utilizzate delle detrazioni spettanti.

 

Tipologie di interventi ammissibili

La platea dei contribuenti che possono esercitare l’opzione si è estremamente ridotta in seguito all’entrata in vigore del DL 11/2023 del 17.02.2023, che ha vietato di optare per modalità alternative alla fruizione diretta della detrazione, salvo specifiche deroghe.

Ricordiamo, pertanto, che possono usufruire di questa opzione soltanto alcune tipologie di interventi edilizi, esplicitamente previste dagli artt. 2 e 2-bis del DL 11/2023 e successivamente anche dagli artt. 2 e 3 del DL 212/2023, ovvero gli interventi:

  • di superamento delle barriere architettoniche con detrazione al 75%;
  • realizzati da IACP, cooperative di abitazione a proprietà indivisa, organizzazioni non lucrative di utilità sociale e volontariato;
  • su edifici danneggiati in comuni colpiti da eventi sismici (dopo il 1° aprile 2009) o metereologici nelle Marche dopo il 15 settembre 2022.

Inoltre, lo stesso decreto, prevede che si possa ancora usufruire dell’opzione per la cessione del credito o lo sconto sul corrispettivo anche per le spese sostenute nel 2023 relative ad interventi per i quali al 16.02.2023, data precedete all’entrata in vigore del Decreto, erano già stati iniziati i lavori, avviate le pratiche autorizzative o conclusi gli accordi di fornitura dei materiali (come specificato nell’art. 2 del DL 11/2023 e successive modifiche e integrazioni).

 

Comunicazione per le detrazioni fiscali del condominio

La seconda proroga, oggetto del provvedimento n. 53174, riguarda invece la comunicazione delle detrazioni fiscali per gli interventi edilizi condominiali.

Gli Amministratori dei condomìni che hanno effettuato interventi nelle parti comuni che usufruiscono di bonus fiscali sono infatti tenuti a inviare per via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle detrazioni fiscali spettanti ai condòmini per consentirne l’elaborazione e la trasmissione aella Dichiarazione Precompilata.

La scadenza originale anche per la comunicazione delle detrazioni fiscali dei condomini è il 16 marzo, ma la proroga estende il tempo a disposizione per l’invio di quasi tre settimane, fino al 4 aprile 2024.

Gli interventi sulle parti comuni condominiali, che beneficiano di bonus fiscali e quindi sono soggetti a comunicazione, comprendono, tra gli altri: ristrutturazioni, riduzione del rischio sismico, riqualificazione energetica, installazione di impianti fotovoltaici e di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici e interventi di rifacimento del verde.

 

Esonero dalla comunicazione detrazioni fiscali condominio

Alla proroga dei termini per predisporre e inviare i flussi telematici, si aggiunge anche un’ulteriore agevolazione per gli Amministratori dei condomini interessati. Il provvedimento, infatti, esonera dall’invio della comunicazione i condomìni in cui tutti i comproprietari abbiano optato per la cessione del credito o per lo sconto diretto sul corrispettivo in fattura, una importante semplificazione per la gestione operativa di Amministratori e intermediari in questo periodo di scadenze fiscali.

Purtroppo, nel momento in cui almeno un condomino abbia optato per la detrazione diretta, anche per un solo intervento, questa opportunità decade e deve essere inviata la comunicazione per tutti gli interventi realizzati sulle parti comuni nel corso dell’anno.

 

Le proroghe al 4 aprile della scadenza per la comunicazione dell’opzione di cessione del credito e di sconto sul corrispettivo e delle detrazioni fiscali per gli interventi sulle parti comuni dei condomini concedono dunque più tempo a disposizione per verificare la necessità di provvedere alla comunicazione e predisporre i flussi telematici per l’invio.

I professionisti qualificati del nostro Studio forniscono assistenza e supporto nella valutazione e gestione delle detrazioni fiscali e la corretta predisposizione delle comunicazioni. Contattaci per assicurare l’accuratezza delle informazioni trasmesse ed evitare potenziali complicazioni e sanzioni.